Sono questi i valori alla base del nostro successo, branding, creative & social specialist. Ecco perché siamo fieri dei nostri 6 anni d’efficienza dedicati a marchi italiani e internazionali. È così che diamo vita a singole storie di brand.

+39 0831 17 06 990
box@alkimiadigital.it
APRI UN TICKET
Search
 

Blog

Influencer marketing: nuovi trends nel 2020

È la piattaforma di influencer marketing Fohr ad aver tracciato i possibili scenari per il 2020; un anno che, in base alle indicazioni, si caratterizzerà con ogni probabilità per i cambiamenti significativi in materia. Innanzitutto, Fohr prevede una minore frequenza di pubblicazione da parte degli Influencer destinata a scendere a 2 volte a settimana.

Solo chi può contare su base di follower superiore ai 250.000 potrebbe far registrare una tendenza di segno opposto. Una modifica delle abitudini non di poco conto, di cui i marchi dovranno valutare attentamente prima di scegliere a quale influencer affidare un determinato progetto. Altro elemento che ha assunto un’importanza sempre maggiore, in particolare su Instagram, è il “caption”. Scegliere didascalie di una certa lunghezza consente di offrire un numero maggiore di informazioni sugli articoli sponsorizzati. Entro la fine del 2020 le didascalie potrebbero raggiungere, in media, i 405 caratteri. Su Instagram sono gli hashtag a recitare un ruolo da protagonista, soprattutto per chi desidera raggiungere nuovi utenti. Tra il 2016 e il 2019 il numero medio di hasthag è quadruplicato, e continuerà a farlo in futuro. L’analisi di Fohr ha preso in esame anche il tasso di coinvolgimento sui post. In questo ambito sono i micro-influencer a presentare tassi di coinvolgimento più elevati.

Sia brand che influencer sembrano aver ben compreso le potenzialità dell’influencer marketing e l’importanza assunta dalla frequenza di pubblicazione dei post sponsorizzati. Un numero eccessivo di contenuti sponsorizzati, alla lunga, esporrebbe al rischio di saturazione dei contenuti, in quanto il pubblico potrebbe percepire tale scelta strategica come una mancanza di autenticità dell’influencer.

Ad oggi è chi ha un seguito tra i 50.000 e i 70.000 follower su Instagram a pubblicare un numero più elevato di contenuti sponsorizzati. Sopra i 70.000 follower, invece, la percentuale di contenuti tende a diminuire. Da quanto scritto appare chiaro come l’influncer marketing sia destinato ad un futuro prossimo di successo. Se siete in cerca un punto di riferimento nel campo del digital marketing

Cosa aspetti? contattaci per ricevere una consulenza gratuita -> alkimiadigital.it.